ARTICOLI

Test del DNA per metabolismo e alimentazione

Nutrition

Test del DNA per metabolismo e alimentazione

17 nov, 2021

I fattori nutrizionali contenuti negli alimenti sono le biomolecole che compongono le fonti di cibo.

Quando introduciamo nutrienti nel nostro organismo si attivano tutte quelle reazioni chimiche deputate alla scomposizione della materia organica al fine di poter estrarre e immagazzinare energia sotto forma di una molecola energetica chiamata ATP; l’insieme di tutte queste reazioni chimiche è il metabolismo.

Ogni reazione metabolica ha bisogno di una classe di molecole proteiche che non si distruggono durante la reazione ma che ne velocizzano il processo; queste molecole sono gli enzimi.

Gli enzimi, come tutte le proteine sono prodotte a partire dai geni del DNA, all’interno dei quali la sequenza codificante può variare da individuo a individuo, a causa della presenza di mutazioni che prendono il nome di SNPs (Single Nucleotide Polymorphism), i quali influenzano l’efficienza molecolare degli enzimi metabolici e quindi il profilo nutrizionale di un soggetto.

Grazie allo sviluppo delle tecniche di sequenziamento genetico, oggi è possibile esplorare il genoma di un essere vivente alla ricerca degli SNPs e le loro implicazioni sulla salute dell’organismo.

Gli SNPs oltre ad influenzare la funzionalità e l’espressione degli enzimi che regolano il metabolismo possono anche interessare geni legati in altre dinamiche relative all’alimentazione, ad esempio:

  • sviluppo di intolleranze alimentari
  • processi di controllo della glicemia 
  • predisposizione a malattie cardiovascolari
  • sensibilità a particolari sostanze come alcool o caffeina

Grazie alla conoscenza della sequenza dei geni responsabili della regolazione di processi legati alla nutrizione è possibile individuare SNPs che influenzano la funzionalità degli enzimi o delle proteine coinvolti nei meccanismi nutrizionali e quindi progettare lo stile dietetico più adatto ad un soggetto, ossia valutare con precisione quali sono gli alimenti più conformi al patrimonio genetico che egli possiede.

Dieta e test del DNA: come funziona?

Il DNA viene ottenuto a partire da un tampone buccale grazie a reazioni biochimiche di estrazione e filtraggio.

Una volta ricavato il materiale genetico questo viene processato mediante sequenziamento NGS (Next Generation Sequencing) che permette di caratterizzare il genoma dell’individuo.

Grazie a particolari programmi informatici, nei dati biologici in output dal sequenziamento vengono individuate le posizioni nucleotidiche in cui risiedono gli SNPs correlati con i principali tratti associati all’alimentazione. 

In un test del DNA per la dieta vengono presi in considerazione i seguenti insiemi di SNPs:

  • SNPs correlati alla predisposizione all’aumento di peso
  • SNPs legati a intolleranza alimentare al glutine e lattosio 
  • SNPs associati al metabolismo delle vitamine
  • SNPs correlati al rischio di sviluppare iperglicemia e diabete
  • SNPs relativi alla predisposizione ad un aumento dei livelli di colesterolo e trigliceridi, responsabili di un rischio maggiore di malattie cardiovascolari

Tramite la tipizzazione genetica degli SNPs sopra elencati, è possibile impostare una dieta ad hoc per le esigenze metaboliche e nutrizionali dell’individuo, in modo da adottare uno stile di vita in grado di prevenire al meglio le patologie legate all’alimentazione.

Se vuoi saperne di più sugli aspetti nutrigenetici del tuo genoma, sulla predisposizione ad intolleranze o a malattie metaboliche con il nostro test del DNA NUTRITION potrai farlo!

SCOPRI IL TEST NUTRITION

Scritto da

Team Netgenomics
Team Netgenomics

Ti aiutiamo a capire tutto ciò che c'è da sapere sul tuo DNA. Approfondimenti, spiegazioni, consigli per mantenerti in salute.

Vai alla scheda dell'autore

Iscriviti alla newsletter

Compila il form con i tuoi dati per rimanere sempre aggiornato sui prodotti e le novità di netgenomics